Pasta e ceci (primi)


Benvenuti!

Oggi prepariamo una minestra ricca di sapore, tipica del sud Italia e non solo!

La cottura è lunga ma non richiede una sorveglianza continua, basta far bollire  a fuoco bassissimo e
ricordate che i ceci devono essere reidratati in acqua calda tenendoli in ammollo per almeno una notte intera.

Iniziamo con la lista degli ingredienti

Ingredienti x quattro persone

200 grammi di ceci essiccati

1/4 di cipolla

1/2 spicchio d'aglio

1 carota

1 rametto di rosmarino

1 patata media

2 cucchiai di salsa pronta di pomodoro

2 foglie di alloro

180 grammi di pasta all'uovo Tagliatelle, pappardelle, tagliolini ecc.)

1 dado + mezzo (stock cube)

4 cucchiai di olio extravergine d'oliva

sale q.b.

Esecuzione

Mettete i ceci in ammollo in acqua calda la sera prima (devono restare in ammollo almeno per dodici ore). 

Quando i ceci si saranno reidratati potete iniziare la preparazione della minestra. 

Lavate il rosmarino e togliete gli aghi dal rametto. 

Lavate e sbucciate la carota. 

Tritate finemente gli aghi del rosmarino, la carota, l'aglio e la cipolla. 

In una pentola fate scaldare l'olio extravergine d'oliva. 

Quando sarà caldo trasferite il trito di verdure e fate soffriggere per alcuni minuti mescolando, unite la salsa pronta di pomodoro, i ceci reidratati e scolati. 

Fate insaporire per alcuni minuti mescolando. 

Aggiungete due litri circa di acqua, la patata lavata e sbucciata, le foglie di alloro, il dado più mezzo (stock cube). 

Mettete il coperchio e fate cuocere a fuoco basso per due ore circa. 

Quando i ceci saranno diventati morbidi preparate la pasta all'uovo rompendola a pezzetti, gettatela nella pentola e fate cuocere rispettando i tempi di cottura riportati sulla confezione mescolando di tanto in tanto. Regolate di sale, mescolate e servite subito.




I ceci


I ceci sono di colore giallo paglierino tendente a volte al rossastro, sono ricchi di glucidi e proteine preziose per il nostro organismo.

Cento grammi di ceci, senza condimento sviluppano 322 calorie. 

Questo legume viene utilizzato per preparare ottime minestre e 
la farina per preparare la famosa farinata genovese una torta salata che si consuma generalmente fuori pasto. 

Prima della cottura è necessario l'ammollo in acqua calda per almeno dodici ore.


Commenti

post più popolari